Triangolo Lariano: è online il portale dei sentieri!

È online il Portale Turistico dei sentieri del Triangolo Lariano, il territorio compreso tra Bellagio, Lecco e Como che comprende 31 Comuni. Il progetto, realizzato con la Comunità Montana del Triangolo Lariano e il GAL del Lario, permette ai turisti di pianificare da casa la propria escursione potendo ottenere in maniera semplice tutte le informazioni fondamentali sui sentieri.

Difficoltà, dislivello, tempi di percorrenza, eventuale percorribilità in MTB e molte altre informazioni permettono anche a chi non conosce l’area di riuscire a scegliere il percorso migliore in base alle proprie capacità atletiche ed al tempo a disposizione.

Tutti gli elementi della rete di trasporto pubblico esistente consentono di avere tutte le informazioni per evitare l’utilizzo dell’auto, raggiungendo il punto di partenza dell’itinerario o pianificando un comodo ritorno ad essa, nel caso di itinerario non ad anello.

Il portale dei sentieri del Triangolo Lariano

WebGIS Triangolo Lariano popup
Cliccando su un elemento in mappa, vengono mostrate in un popup tutte le informazioni associate

Il portale offre la possibilità di scaricare le tracce degli itinerari presenti nei più comuni formati: GPX per il caricamento su dispositivi GPS oppure KMZ per il software Google Earth. Ad ogni percorso è associata anche una galleria fotografica, il profilo altimetrico ed una dettagliata descrizione in pdf scaricabile, in cui viene dettagliato passo passo il percorso.

Il portale turistico è stato realizzato in doppia lingua, italiano ed inglese, allargando il bacino di fruitori ad un pubblico molto più ampio. In homepage e all’interno della mappa è possibile cambiare facilmente da una lingua all’altra e tutti gli allegati scaricabili sono tradotti in lingua inglese.

Descrizione Triangolo Lariano
Una delle descrizioni presenti, che mostra anche l’eventuale percorribilità in MTB

Le funzionalità

Il sistema contiene l’elenco dei diversi sentieri e siti di interesse presenti sul territorio, attivabile grazie al bottone info a lato della categoria; con un clic sul singolo elemento in elenco vengono mostrate le informazioni e la fotografia associate. Inoltre la suddivisione in gruppi dei punti di interesse (chiese, castelli, rifugi, ecc…) consente di vedere solo la tipologia di elemento desiderato.

Dal menu a tendina in alto a destra è possibile cambiare la mappa di sfondo, scegliendo tra quelle di Google, OpenStreetMap e una di nostra creazione realizzata a partire dai dati del DataBase Topografico Regionale.

Invece Google Street View consente di vedere l’imbocco del sentiero o altro grazie alla sua particolare funzione, con un importante sguardo al futuro. Sono già presenti infatti alcuni tratti di sentiero (come quello che porta a Monte San Primo) con la funzione di Street View integrata: una possibilità pazzesca per capire cosa si potrà vedere. Perché il bello del nostro applicativo è che offra gli strumenti per scegliere al meglio, ma l’esperienza migliore è quella vissuta all’aria aperta!

Condivisione della mappa

Una funzione molto utile consente di inviare a terzi link o QRcode che rimandino alla visualizzazione corrente della mappa, tramite il tasto di condivisione. Viene inviata direttamente la parte interessata con i livelli attivi in quel momento. Si tratta di un’opportunità che abbiamo voluto regalare ad ogni utenza del territorio, che può così creare a piacimento codici personalizzati per una visualizzazione iniziale del portale incentrata sulla loro struttura ricettiva, bene monumentale o Comune.

I QRcode sono stati inseriti nelle descrizioni, così da aiutare turisti ed escursionisti in caso di bisogno per reperire informazioni sul territorio circostante anche durante l’escursione.

WebGIS Triangolo Lariano gallery fotografica
Ogni itinerario ha una gallery fotografica associata

L’elenco degli itinerari presenti

All’interno del nostro sito web sono presenti diverse descrizioni dei percorsi mappati, scaricabili anche dalla web app online. I sentieri toccano i maggiori punti di interesse naturalistici del territorio, come i Corni di Canzo o Sasso Malascarpa, i siti di interesse storico-culturale come Castel di Leves o la Chiesa di Santa Tecla di Torno, oltre ai rifugi sparsi sulle diverse cime.

1 – Dorsale del Triangolo Lariano

2 – Strada Regia

3 – Da Eupilio a Bellagio passando per il Ghisallo

4 – Da Solzago a Bocchetta di Molina

5 – Da Albese con Cassano a Bocchetta di Molina

6 – Da Albavilla a Bocchetta di Lemna

7 – Da Erba a Bocchetta di Lemna

8 – Da Caslino d’Erba a Bocchetta di Palanzo

9 – Da Asso a Colma di Caglio

10 – Da Sormano a Colma del Bosco

11 – Da Barni ad Alpe Spessola

12 – Da Nesso a Monte San Primo

13 – Da Molina a Bocchetta di Molina

14 – Da Lemna a Bocchetta di Lemna

15 – Da Palanzo a Bocchetta di Palanzo

16 – Da Lezzeno a Bocchetta di Lezzeno

17 – Da Eupilio a Lasnigo

18 – Da Canzo al Rifugio SEV

19 – Da Torno alla Dorsale

20 – Da Longone a Caslino

21 – Da Lasnigo a Conca di Crezzo

22 – Da Barni al Rifugio La Madonnina

Web App del Triangolo Lariano

Chiaramente abbiamo voluto realizzare anche una versione mobile in modalità Web App per il portale, come per gli altri progetti. Infatti tutti gli applicativi visionabili su WebEasy GIS sono consultabili liberamente con qualsiasi tipo di sistema operativo senza bisogno di installare nulla sul dispositivo.

Homepage WebEasy GIS

Se vuoi scoprire il suo semplice funzionamento, leggi l’articolo a riguardo.

6 Comments

  1. Giulio

    Rispondi

    Davvero un bel sistema, l’ho provato prima a casa su PC e poi durante l’escursione, seguendo la traccia con il GPS attivo del cellulare..funziona e davvero molto bene!
    Sarebbe bello ci fossero tutte le strutture ricettive della zona, così sarebbe funzionale al 100%

    • Marco Tagliabue

      Rispondi

      Ciao Giulio, è in programma un aggiornamento del materiale presente in rete, che potrebbe coinvolgere anche le strutture ricettive, oltre ovviamente all’incserimento di altri sentieri oltre quelli già presenti

  2. Martina S

    Rispondi

    Molto dettagliate e precise le descrizioni trovate, le ho scaricate e stampate per utilizzarle con il mio compagno e sono state un valido aiuto!!!
    Grazie!

  3. Andreas

    Rispondi

    Si ma non rispetta il copyright di OpenStreetMap. Perché non è stato messo Copyright OoenStreetMap and contributors con il link al copyright?
    Almeno per il rispetto dei volontari di OSM.

    • Marco Tagliabue

      Rispondi

      Buongiorno Andreas, in realtà il Copyright OpenStreetMap, con relativo link, è presente una volta attivata la mappa OSM. Forse non lo hai notato perché è posizionato sul lato sinistro, rispetto a quello di Google che è sulla destra. Rispettiamo e facciamo parte del gruppo di mappers, quindi non avremmo mai potuto dimenticarci di questo importante aspetto. Grazie comunque per la tua segnalazione, continua a seguirci!

Leave Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: