Norme piano di Protezione Civile: ecco l’elenco aggiornato!

Dopo le numerose segnalazioni che ci sono pervenute, ripubblichiamo l’elenco aggiornato delle norme nazionali e di Regione Lombardia che regolano l’azione di Protezione Civile, sia per quanto riguarda la previsione e prevenzione dei rischi, sia per quanto riguarda l’organizzazione della struttura del Dipartimento.

Ricordiamo che l’operazione di razionalizzazione degli elenchi delle normative sulle quali si basa l’azione della Protezione Civile ha avuto inizio grazie al lavoro portato avanti per la redazione di alcuni piani che ci sono stati recentemente commissionati.
Come sempre, le vostre segnalazioni ci aiutano a migliorare, dunque se doveste notare ulteriori mancanze, errori o norme obsolete, segnalatecelo! L’aiuto che ci fornirete potrebbe risultare utile per tutte quelle persone che operano in questo ambito.

Rimaniamo sempre a disposizione per realizzare il Piano di Protezione Civile del vostro comune, che ricordiamo essere obbligatorio secondo l’articolo 12 del D.Lgs 1/2018.

Norme per rischio idrogeologico

Norme piano di Protezione Civile per rischio idrogeologico

Norme nazionali

Dipartimento della Protezione Civile – Nota del 12 ottobre 2012
Indicazioni operative per prevedere, prevenire e fronteggiare eventuali situazioni di emergenza connesse a fenomeni idrogeologici e idraulici”

D.L. n.208 del 30 dicembre 2008 (convertito con modificazioni dalla L. n.13 del 27 febbraio 2009)
Misure straordinarie in materia di risorse idriche e di protezione dell’ambiente” – modificato dalla L. 221/2015

Dir. P.C.M. del 27 ottobre 2008
Indirizzi operativi per prevedere, prevenire e fronteggiare eventuali situazioni di emergenza connesse a fenomeni idrogeologici e idraulici”

D.P.C.M. del 3 aprile 2006
Composizione e modalità di funzionamento della Commissione nazionale per la previsione e la prevenzione dei grandi rischi”

D.Lgs. n.152 del 3 aprile 2006
Norme in materia ambientale”

Dir. P.C.M. del 25 febbraio 2005
Ulteriori indirizzi operativi per la gestione organizzativa e funzionale del sistema di allertamento nazionale, statale e regionale per il rischio idrogeologico ed idraulico ai fini di Protezione Civile, recanti modifiche ed integrazioni alla Dir. P.C.M. del 27 febbraio 2004”

Dir. P.C.M. del 27 febbraio 2004
Indirizzi operativi per la gestione organizzativa e funzionale del sistema di allertamento nazionale, statale e regionale per il rischio idrogeologico ed idraulico ai fini di Protezione Civile”

D.L. n.279 del 12 ottobre 2000 (convertito con modificazioni dalla L. n.365 dell’11 dicembre 2000
Interventi urgenti per le aree a rischio idrogeologico molto elevato e in materia di Protezione Civile nonché a favore di zone colpite da calamità naturali”

Autorità di bacino del fiume Po – Delibera n.1 dell’11 maggio 1999
Adozione del progetto di piano stralcio per l’assetto idrogeologico”

D.P.C.M del 15 dicembre 1998
Approvazione del programma di potenziamento delle reti di monitoraggio meteoidropluviometrico”

D.L. n.180 dell’11 giugno 1998 (convertito con modificazioni dalla L. n.267 del 3 agosto 1998)
Misure urgenti per la prevenzione del rischio idrogeologico ed a favore delle zone colpite da disastri franosi nella regione Campania” – modificato dal D.L. 132/1999 e dal D.Lgs. 152/2006

Decreto del Ministero dei Lavori Pubblici del 14 febbraio 1997
Direttive tecniche per l’individuazione e la perimetrazione, da parte delle regioni, delle aree a rischio idrogeologico”

Circolare P.C.M. n.2280 del 13 dicembre 1995
Disposizioni attuative e integrative in materia di dighe”

D.P.R. del 18 luglio 1995
Approvazione dell’atto di indirizzo e coordinamento concernente i criteri per la redazione dei piani di bacino”

L. n.37 del 5 gennaio 1994
Norme per la tutela ambientale delle aree demaniali dei fiumi, dei torrenti, dei laghi, e delle altre acque pubbliche”

D.P.R. del 7 gennaio 1992
Atto di indirizzo e coordinamento per determinare i criteri di integrazione e di coordinamento tra le attività conoscitive dello Stato, delle autorità di bacino e delle regioni per la redazione dei piani di bacino di cui alla legge 18 maggio 1989, n. 183, recante norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo”

D.P.C.M. del 23 marzo 1990
Atto di indirizzo e coordinamento ai fini della elaborazione e della adozione degli schemi previsionali e programmatici di cui all’art. 31 della L.18 maggio 1989, n. 183, recante norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo”

Norme Regione Lombardia

Regolamento regionale n.7 del 29 giugno 2018 e s.m.i.
Disposizioni sull’applicazione dei principi dell’invarianza idraulica ed idrologica. Modifica dell’articolo 17 del regolamento regionale 23 novembre 2017, n.7…

D.g.r. n.X/4599 del 17 dicembre 2015
Aggiornamento e revisione della direttiva regionale per la gestione organizzativa e funzionale del sistema di allertamento per i rischi naturali ai fini di Protezione Civile (D.P.C.M. 27 febbraio 2004)”

L.R. n.12 dell’11 marzo 2005 e s.m.i.
Legge per il governo del territorio”

L.R. n.5 del 2 aprile 2002 e s.m.i.
Istituzione dell’Agenzia Interregionale per il Fiume Po”

Norme piano di Protezione Civile per rischio eventi meteorologici eccezionali

Norme piano di Protezione Civile per rischio eventi meteorologici eccezionali

Norme nazionali

Dipartimento della Protezione Civile – Nota del 12 ottobre 2012
Indicazioni operative per prevedere, prevenire e fronteggiare eventuali situazioni di emergenza connesse a fenomeni idrogeologici e idraulici”

D.Lgs. n.49 del 23 febbraio 2010
Attuazione della direttiva 2007/60/CE relativa alla valutazione e alla gestione dei rischi di alluvioni”

Norme Regione Lombardia

Regolamento regionale n.7 del 29 giugno 2018
Disposizioni sull’applicazione dei principi dell’invarianza idraulica ed idrologica. Modifica dell’articolo 17 del regolamento regionale 23 novembre 2017, n.7…

D.g.r. n.X/6738 del 19 giugno 2017
Disposizioni regionali concernenti l’attuazione del Piano di Gestione dei Rischi di Alluvione (PGRA) nel settore urbanistico e di pianificazione dell’emergenza…”

D.g.r. n.X/4599 del 17 dicembre 2015
Aggiornamento e revisione della direttiva regionale per la gestione organizzativa e funzionale del sistema di allertamento per i rischi naturali ai fini di Protezione Civile (D.P.C.M. 27 febbraio 2004)”

D.g.r. n.7/11670 del 20 dicembre 2002
Direttiva Temporali” per laprevenzione dei rischi indotti da fenomeni meteorologici estremi sul territorio regionale, ai sensi della L.R. 1/2000, art.3, comma 131, lettera I”

Norme per rischio industriale

Norme piano di Protezione Civile per rischio industriale

Norme nazionali

D.Lgs. n.105 del 26 giugno 2015
Attuazione della direttiva 2012/18/UE relativa al controllo del pericolo di incidenti rilevanti connessi con sostanze pericolose”

D.Lgs. n.145 del 28 luglio 2008
Attuazione della direttiva 2006/121/CE, che modifica la direttiva 67/548/CEE concernente il ravvicinamento delle disposizioni legislative, regolamentari ed amministrative in materia di classificazione, imballaggio ed etichettatura delle sostanze pericolose, per adattarle al regolamento (CE) n. 1907/2006 concernente la registrazione, la valutazione, l’autorizzazione e la restrizione delle sostanze chimiche (REACH) e istituisce un’Agenzia europea per le sostanze chimiche”

D.P.C.M. del 16 febbraio 2007
Linee guida per l’informazione alla popolazione sul rischio industriale”

D.Lgs. n.152 del 3 aprile 2006
Norme in materia ambientale”

D.P.C.M. del 25 febbraio 2005
Linee guida per la predisposizione del piano d’emergenza esterna di cui all’articolo 20 comma 4, del decreto legislativo 17 agosto 1999, n. 334”

D.E. 2003/105/CE del 16 dicembre 2003, che modifica la direttiva 96/82/CE del Consiglio sul “Controllo dei pericoli di incidenti rilevanti connessi con determinate sostanze pericolose” – “Seveso III”

Decreto del Ministero dell’Interno del 31 ottobre 2001
Adeguamento alla regola tecnica di prevenzione incendi di cui al decreto del Ministro dell’interno, di concerto con quello dell’Industria, del commercio e dell’artigianato 13 ottobre 1994. Depositi di G.P.L. in serbatoi fissi, di capacità complessiva superiore a 5 m3 e/o in recipienti mobili di capacità complessiva superiore a 5.000 Kg, non soggetti alla presentazione del rapporto di sicurezza di cui all’art. 8 del decreto legislativo 17 agosto 1999, n. 334”

Decreto del Ministero dei Lavori Pubblici del 9 maggio 2001
Requisiti minimi di sicurezza in materia di pianificazione urbanistica e territoriale per le zone interessate da stabilimenti a rischio di incidente rilevante”

Decreto del Ministro della Sanità del 19 aprile 2000
Creazione di una banca dati sui preparati pericolosi, in attuazione dell’art. 10, comma 2, del decreto legislativo n. 285, del 16 luglio 1998”

Decreto del Ministero dell’Ambiente del 20 ottobre 1998
Criteri di analisi e valutazione dei rapporti di sicurezza relativi ai depositi di liquidi facilmente infiammabili e/o tossici”

Decreto del Ministero dell’Ambiente del 15 maggio 1996
Criteri di analisi e valutazione dei rapporti di sicurezza relativi ai depositi di gas e petrolio liquefatto (GPL)”

D.P.C.M. del 31 marzo 1989 e s.m.i.
Applicazione dell’art. 12 del decreto del Presidente della Repubblica 17 maggio 1988, n. 175, concernente rischi rilevanti connessi a determinate attività industriali”

D.P.R. n.175 del 17 maggio 1988
Attuazione della Direttiva CEE n. 82/501 relativa ai rischi di incidenti rilevanti connessi con determinate attività industriali, ai sensi della legge 16 aprile 1987, n. 183” – modificato dal D.Lgs. 334/1999

Norme Regione Lombardia

D.g.r. n.9/3753 del l’11 luglio 2012
Approvazione delle “linee guida per la predisposizione e l’approvazione dell’elaborato tecnico “rischio di incienti rilevanti” (ERIR)” – revoca della D.g.r. n.7/19794 del 10 dicembre 2004”

D.g.r. n.7/15496 del 5 dicembre 2003
Direttiva Regionale Grandi Rischi:linee guida per la gestione delle emergenze chimico-industriali”

L.R. n.19 del 23 novembre 2001
Norme in materia di attività a rischio di incidenti rilevanti”

Norme piano di Protezione Civile per rischio traffico e trasporti

Norme piano di Protezione Civile per rischio traffico e trasporti

Norme nazionali

Decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti del 29 dicembre 2020
Direttive e calendario per le limitazioni alla circolazione stradale fuori dai centri abitati per i veicoli con massa superiore a 7,5 tonnellate – anno 2021”

Circolare del Ministero dell’Interno del 24 dicembre 2020
Direttive e calendario per le limitazioni alla circolazione stradale fuori dai centri abitati per l’anno 2021”

D.Lgs. n.50 del 14 maggio 2019
Attuazione della direttiva 2016/798 del Parlamento europeo e del Consiglio, dell’11 maggio 2016, sulla sicurezza delle ferrovie”

Accordo internazionale per il trasporto di merci pericolose 2019 (ADR)
Accordo europeo relativo ai trasporti internazionali di merci pericolose su strada.

D.Lgs. n.112 del 15 luglio 2015
Attuazione della direttiva 2012/34/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 21 novembre 2012, che istituisce uno spazio ferroviario europeo unico”

D.P.R. n.151 del 1 agosto 2011
Regolamento recante semplificazione della disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione degli incendi, a norma dell’articolo 49, comma 4-quater, del decreto-legge 31 maggio 2010, n.78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122”

D.Lgs. n.35 del 27 gennaio 2010
Attuazione della direttiva 2008/68/CE, relativa al trasporto interno di merci pericolose”

Decreto del Ministero dei Trasporti del 3 gennaio 2007
Recepimento della direttiva 2006/89/CE della Commissione del 3 novembre 2006, che adatta per la sesta volta al progresso tecnico la direttiva 94/55/CE del Consiglio, concernente il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri, relative al trasporto di merci pericolose su strada”

D.Lgs. n.264 del 5 ottobre 2006
Attuazione della direttiva 2004/54/CE in materia di sicurezza per le gallerie della rete stradale transeuropea”

Decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti del 19 settembre 2005
Disciplina del trasporto su strada delle merci pericolose in cisterne”

Decreto del Ministero dell’Interno del 27 gennaio 2005
Istituzione presso il Ministero dell’Interno di un Centro di coordinamento nazionale per fronteggiare le situazioni di crisi in materia di viabilità”

Decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti del 21 giugno 2004
Aggiornamento delle istruzioni tecniche per la progettazione, l’omologazione e l’impiego delle barriere stradali di sicurezza e le prescrizioni tecniche per le prove delle barriere di sicurezza stradale”

D.L. n.121 del 20 giugno 2002 (convertito con modificazioni dalla L. n.168 del 1 agosto 2002)
Disposizioni urgenti per garantire la sicurezza nella circolazione stradale”

Decreto del Ministero dell’Interno del 24 maggio 2002
Modifiche ed integrazioni al decreto 24 maggio 2002, recante norme di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio degli impianti di distribuzione stradale di gas naturale per autotrazione”

D.Lgs. n.9 del 15 gennaio 2002
Disposizioni integrative e correttive del nuovo codice della strada, a norma dell’articolo 1, comma 1, della legge 22 marzo 2001, n. 85”

Decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti del 21 dicembre 2001
Recepimento della modifica del decreto del Ministro dei trasporti e della navigazione del 3 marzo 1997, di attuazione della direttiva 95/50/CE del Consiglio concernente l’adozione di procedure uniformi in materia di controlli su strada di merci pericolose, ai fini del recepimento della direttiva 2001/26/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 7 maggio 2001 che modifica la direttiva 95/50/CE, del recepimento della rettifica alla direttiva 95/50/CE e della rettifica al decreto ministeriale stesso”

Circolare n.3184 Mot2/C/2001 dell’8 agosto 2001
Circolare N. 87/80 del 12/8/80. Cisterne e veicoli cisterna adibiti al trasporto su strada di merci pericolose. Applicazione dei Decreti Ministeriali 8.8.80; 9.8.80; 11.8.80; e dei relativi allegati tecnici Circolare N. 127/92 del 30/7/92 Disposizioni particolari per la costruzione e l’utilizzo di cisterne adibite al trasporto su strada di taluni rifiuti pericolosi appartenenti alle classi 3 -6.1-6.2- 8 della classifica A.D.R.”

Decreto del Ministero dei Lavori Pubblici dell’8 giugno 2001
Integrazione dell’elenco degli enti ed associazioni di comprovata esperienza nel settore della prevenzione e della sicurezza stradale”

Decreto del Ministero dei Lavori Pubblici del 5 giugno 2001
Sicurezza nelle gallerie stradali”

L. n.85 del 22 marzo 2001
Delega al governo per la revisione del nuovo codice della strada”

D.P.R. del 14 marzo 2001
Nuovo piano generale dei trasporti e della logistica”

D.P.C.M. n.448 del 22 dicembre 2000
Regolamento recante modalità e procedure per il trasferimento del personale dell’Ente nazionale per le strade (ANAS) alle regioni ed agli enti locali, in attuazione dell’articolo 7, comma 4, del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112”

Circolare del Ministero dei Trasporti e della Navigazione del 14 novembre 2000
Consulenti alla sicurezza per trasporto di merci pericolose”

Circolare del Ministero dei Trasporti n.9 del 6 marzo 2000
D.L 4 febbraio 2000, n. 40, attuazione della direttiva 96/35/CE, consulenti per la sicurezza dei trasporti di merci pericolose…”

Decisione della Commissione del 9 aprile 1999, 1999/314/CE
Questionario relativo alla direttiva 96/82/CE del Consiglio sul controllo dei pericoli di incidenti rilevanti connessi con determinate sostanze pericolose”

Decreto del Ministero dei Trasporti e della Navigazione del 16 ottobre 1998
Periodicità delle verifiche e revisioni dei contenitori cisterna”

Norme piano di Protezione Civile per rischio incendio boschivo

Norme piano di Protezione Civile per rischio incendio boschivo

Norme nazionali

D.Lgs. n.177 del 19 agosto 2016
Disposizioni in materia di razionalizzazione delle funzioni di polizia e assorbimento del Corpo forestale dello Stato…”

D.P.C.M. del 5 luglio 2002
Coordinamenti territoriali del Corpo forestale dello Stato”

D.L. n.68 del 19 aprile 2002 (convertito con modificazioni dalla L. n.118 del 18 giugno 2002)
Disposizioni urgenti per il settore zootecnico e per la lotta agli incendi boschivi”

D.P.C.M. del 20 dicembre 2001
Linee guida relative ai piani regionali per la programmazione delle attività di previsione, prevenzione e lotta attiva contro gli incendi boschivi”

L. n.353 del 21 novembre 2000
Legge-quadro in materia di incendi boschivi”

D.L. n.220 del 4 agosto 2000 (convertito con modificazioni dalla L. n.275 del 6 ottobre 2000)
Disposizioni urgenti per la repressione degli incendi boschivi”

D.L. n.312 del 27 giugno 1985 (convertito con modificazioni dalla L. n.431 dell’8 agosto 1985 – c.d. “Galasso”
Disposizioni urgenti per la tutela delle zone di particolare interesse ambientale”

Norme Regione Lombardia

D.g.r. n.XI/2725 del 23 dicembre 2019
Piano regionale delle attività di previsione, prevenzione e lotta attività contro gli incendi boschivi per il triennio 2020-2022 (legge n. 353/2000)”

L.R. n.31 del 5 dicembre 2008
Testo unico delle leggi regionali in materia di agricoltura, foreste, pesca e sviluppo rurale”

Regolamento Regionale n.5 del 20 luglio 2007
Norme forestali regionali, in attuazione dell’articolo 50, comma 4, della legge regionale 5 dicembre 2008, n. 31 (testo unico delle leggi regionali in materia di agricoltura, foreste, pesca e sviluppo rurale)”

L.R. n.5 del 27 febbraio 2007
Interventi normativi per l’attuazione della programmazione regionale e di modifica e integrazione di disposizioni legislative – (Collegato ordinamentale 2007)”

L.R. n.4 del 6 marzo 2002 e s.m.i.
Norme per l’attuazione della programmazione regionale e per la modifica e l’integrazione di disposizioni legislative” – Art.2 – “Funzioni del Corpo forestale Regionale”.

L.R. n.2 del 12 gennaio 2002 e s.m.i.
Istituzione del Corpo forestale regionale”

Norme piano protezione civile per rischio sismico

Norme per rischio sismico

Norme nazionali

Decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti del 17 gennaio 2018
Aggiornamento delle “Norme tecniche per le costruzioni””

D.P.C.M. n.28 del 16 gennaio 2014
Direttiva inerente il “Programma nazionale di soccorso per il rischio sismico””

O.P.C.M. n.3519 del 28 aprile 2006
Criteri generali per l’individuazione delle zone sismiche e per la formazione e l’aggiornamento degli elenchi delle medesime zone”

O.P.C.M. del 20 marzo 2003
Primi elementi in materia di criteri generali per la classificazione sismica del territorio nazionale e di normative tecniche per le costruzioni in zona sismica”

Decreto del Ministero dei Lavori Pubblici del 4 maggio 1990
Aggiornamento delle norme tecniche per la progettazione, la esecuzione e collaudo dei ponti stradali”

Decreto del Ministero dei Lavori Pubblici dell’11 marzo 1988
Norme tecniche riguardanti le indagini sui terreni e sulle rocce, la stabilità dei pendii naturali e delle scarpate, i criteri generali e le prescrizioni per la progettazione, l’esecuzione e il collaudo delle opere di sostegno delle terre e delle opere di fondazione”

Decreto del Ministero dei Lavori Pubblici del 3 dicembre 1987
Norme tecniche per la progettazione, esecuzione e collaudo delle costruzioni prefabbricate”

Decreto del Ministero dei Lavori Pubblici del 24 marzo 1982
Norme tecniche per la progettazione e la costruzione delle dighe di sbarramento”

Norme Regione Lombardia

D.g.r. n.X/5001 del 30 marzo 2016
Approvazione delle linee di indirizzo e coordinamento per l’esercizio delle funzioni trasferite ai comuni in materia sismica”

D.g.r. n.X/4599 del 17 dicembre 2015
Aggiornamento e revisione della direttiva regionale per la gestione organizzativa e funzionale del sistema di allertamento per i rischi naturali ai fini di Protezione Civile (D.P.C.M. 27 febbraio 2004)”

L.R. n.33 del 12 ottobre 2015 e s.m.i.
Disposizioni in materia di opere o di costruzioni e relativa vigilanza in zone sismiche”

D.g.r. n.X/2129 dell’11 luglio 2014
Aggiornamento delle zone sismiche in Regione Lombardia”

D.g.r. n.8/1566 del 22 dicembre 2005
Criteri ed indirizzi per la definizione della componente geologica, idrogeologica e sismica del Piano di Governo del Territorio, in attuazione dell’art. 57, comma 1, della l.r. 11 marzo 2005, n. 12”

L.R. n.12 dell’11 marzo 2005 e s.m.i.
Legge per il governo del territorio”

D.g.r. n.7/14964 del 7 novembre 2003
Disposizioni preliminari per l’attuazione dell’Ordinanza Presidenza del Consiglio dei Ministri n. 3274 del 20 marzo 2003 “Primi elementi in materia di criteri generali per la classificazione sismica del territorio nazionale e di normative tecniche per le costruzioni in zona sismica””

norme piano protezione civile rischio radiazioni

Norme piano di Protezione Civile per rischio radiazioni non ionizzanti

Norme nazionali

D.L. n.179 del 18 ottobre 2012 (convertito con modificazioni dalla L. n.221 del 17 dicembre 2012)
Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese”

Decreto del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare del 29 maggio 2008
“Approvazione della metodologia di calcolo per la determinazione delle fasce di rispetto per gli elettrodotti

D.P.C.M. dell’8 luglio 2003
Fissazione dei limiti di esposizione, dei valori di attenzione e degli obiettivi di qualità per la protezione della popolazione dalle esposizioni ai campi elettrici e magnetici alla frequenza di rete (50 Hz) generati dagli elettrodotti”

L. n.36 del 22 febbraio 2001
Legge quadro sulla protezione dalle esposizioni a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici”

Decreto del Ministero dell’Ambiente n.381 del 10 settembre 1998
Regolamento recante norme per la determinazione dei tetti di radiofrequenza compatibili con la salute umana”

Norme Regione Lombardia

L.R. n.11 dell’11 maggio 2001 e s.m.i.
Norme sulla protezione ambientale dall’esposizione a campi elettromagnetici indotti da impianti fissi per le telecomunicazioni e per la radiotelevisione”

Norme per rischio radiazioni ionizzanti

Norme nazionali

D.Lgs. n.101 del 31 luglio 2020
Attuazione della direttiva 2013/59/Euratom, che stabilisce norme fondamentali di sicurezza relative alla protezione contro i pericoli derivanti dall’esposizione alle radiazioni ionizzanti, e che abroga le direttive 89/618/Euratom, 90/641/Euratom, 96/29/Euratom, 97/43/Euratom e 2003/122/Euratom e riordino della normativa di settore in attuazione dell’articolo 20, comma 1, lettera a), della legge 4 ottobre 2019, n. 117”

D.Lgs. n.45 del 4 marzo 2014
Attuazione della direttiva 2011/70/EURATOM, che istituisce un quadro comunitario per la gestione responsabile e sicura del combustibile nucleare esaurito e dei rifiuti radioattivi” – modificato dal D.Lgs. 137/2017

D.Lgs. n.100 del 1 giugno 2011
Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 20 febbraio 2009, n. 23, recante attuazione della direttiva 2006/117/Euratom, relativa alla sorveglianza e al controllo delle spedizioni di rifiuti radioattivi e di combustibile nucleare esaurito – sorveglianza radiometrica su materiali o prodotti semilavorati metallici” – modificato dal D.Lgs. 101/2020

Rapporto Tecnico ISPRA – aprile 2009
Rapporto tecnico ai sensi del DPCM 10 febbraio 2006 contenente le “Linee guida per la pianificazione di emergenza per il trasporto di materie radioattive e fissili, in attuazione dell’articolo 125 del decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 230 e successive modifiche ed integrazioni””

Commissario Delegato per la Sicurezza dei Materiali Nucleari – Ordinanza n. 4 dell’11 aprile 2003
Piano delle misure preliminari di adeguamento della protezione fisica e delle attività finalizzate alla progressiva riduzione del livello di rischio degli impianti nucleari”

Commissario Delegato per la Sicurezza dei Materiali Nucleari – Ordinanza n. 3 del 3 aprile 2003
Piano delle misure preliminari di adeguamento della protezione fisica ed attività finalizzate alla progressiva riduzione del livello di rischio delle centrali e degli impianti nucleari”

O.P.C.M. n.3267 del 7 marzo 2003
Disposizioni urgenti in relazione all’attività di smaltimento, in condizioni di massima sicurezza, dei materiali radioattivi dislocati nelle centrali nucleari e nei siti di stoccaggio situati sul territorio delle regioni Piemonte, Emilia-Romagna, Lazio, Campania e Basilicata, nell’ambito delle iniziative da assumere per la tutela dell’interesse essenziale della sicurezza dello Stato”

Decreto del Ministero dell’Industria, del Commercio e dell’Artigianato n.302 del 24 maggio 2001
Regolamento concernente le modalità di funzionamento del Consiglio interministeriale di coordinamento e di consultazione per i problemi relativi all’impiego pacifico dell’energia nucleare”

D.Lgs. n.257 del 9 maggio 2001
Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 26 maggio 2000, n. 241, recante attuazione della direttiva 96/29/Euratom in materia di protezione sanitaria della popolazione e dei lavoratori contro i rischi derivanti dalle radiazioni ionizzanti”

D.Lgs. n.241 del 26 maggio 2000
Attuazione della direttiva 96/29/EURATOM in materia di protezione sanitaria della popolazione e dei lavoratori contro i rischi derivanti dalle radiazioni ionizzanti”

Aeromobile Protezione Civile

Legislazione in ambito di Protezione Civile a livello nazionale

D.Lgs. n.1 del 2 gennaio 2018 (integrato dal D.Lgs. 4/2020)
Codice della Protezione Civile”. Riordino e integrazione delle disposizioni legislative vigenti che disciplinano il servizio nazionale della Protezione Civile e le relative funzioni.

D.Lgs. n.117 del 3 luglio 2017
Codice del Terzo settore, a norma dell’articolo 1, comma 2, lettera b), della legge 6 giugno 2016, n. 106”

L. n.30 del 16 marzo 2017
Delega al governo per il riordino delle disposizioni legislative in materia di sistema nazionale della Protezione Civile”

D.L. n.93 del 14 agosto 2013 (convertito con modificazioni dalla L. n.119 del 15 ottobre 2013)
Disposizioni urgenti in materia di sicurezza e per il contrasto della violenza di genere, nonché in tema di Protezione Civile e di commissariamento delle province”

Circolare P.C.M. 30 aprile 2013
Istituzione dell’elenco centrale e degli elenchi territoriali delle organizzazioni di volontariato di Protezione Civile”

D.P.C.M. 8 marzo 2013
Disciplina del sistema di monitoraggio e di verifica dell’attuazione delle misure contenute nelle ordinanze di cui all’articolo 5 della legge 24 febbraio 1992, n. 225, nonché dei provvedimenti adottati in attuazione delle medesime e delle ispezioni”

Dir. P.C.M. 8 febbraio 2013
Indirizzi operativi per l’istruzione dell’Unità di Comando e Controllo del bacino del fiume Po ai fini del governo delle piene, nonché modifiche ed integrazioni alla Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 27 febbraio 2004 e successive modificazioni”

Dir. P.C.M. del 9 novembre 2012
Indirizzi operativi volti ad assicurare l’unitaria partecipazione delle organizzazioni di volontariato all’attività di Protezione Civile”

D.P.C.M. del 7 novembre 2012
Organizzazione del dipartimento della Protezione Civile”

D.L. n.59 del 15 maggio 2012 (convertito con modificazioni dalla L. n.100 del 12 luglio 2012)
Disposizione urgenti per il riordino della Protezione Civile”

D.P.C.M. – Dipartimento della Protezione Civile del 12 gennaio 2012
Adozione dell’intesa tra il Dipartimento della protezione civile e le Regioni e le Provincie autonome di Trento e di Bolzano e la Regione autonoma della Valle d’Aosta prevista dall’art. 5 del decreto del 13 aprile 2011 e condivisione di indirizzi comuni per l’applicazione delle altre misure contenute nel medesimo decreto”

L. n.183 del 12 novembre 2011
Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (Legge di stabilità 2012)”

D.P.C.M. del 2 luglio 2010
Proroga della costituzione e delle modalità di funzionamento del comitato operativo della Protezione Civile”

Dir. P.C.M. del 3 dicembre 2008
Indirizzi operativi per la gestione delle emergenze”

D.Lgs. n.81 del 9 aprile 2008
Attuazione dell’articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro”

D.P.C.M. del 21 novembre 2006
Costituzione e modalità di funzionamento del Comitato operativo della Protezione Civile”

D.P.C.M. del 23 ottobre 2006
Modifiche all’organizzazione interna del Dipartimento della Protezione Civile”

D.L. n.90 del 31 maggio 2005 (convertito con modificazioni con L. n.152 del 26 luglio 2005)
Disposizioni urgenti in materia di Protezione Civile” – modificato dal D.Lgs. 163/2006

Circolare P.C.M., Dipartimento della Protezione Civile n.5114 del 30 settembre 2002
Ripartizione delle competenze amministrative in materia di Protezione Civile”

D.L. n.343 del 7 settembre 2001 (convertito con modificazioni dalla L. n.401 del 9 novembre 2001)
Disposizioni urgenti per assicurare il coordinamento operativo delle strutture preposte alle attività di Protezione Civile…”

Comunicato G.U. del 12 maggio 2001
Comunicato relativo al decreto del Ministro dell’interno delegato per il coordinamento della Protezione Civile 13 febbraio 2001, concernente: Adozione dei Criteri di massima per l’organizzazione dei soccorsi sanitari nelle catastrofi”

D.P.R. n.194 dell’8 febbraio 2001
Regolamento recante nuova disciplina della partecipazione delle organizzazioni di volontariato alle attività di Protezione Civile”

D.P.C.M. del 19 dicembre 2000
Criteri di ripartizione e ripartizione tra le regioni delle risorse per l’esercizio delle funzioni conferite dal decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112, in materia di Protezione Civile”

D.Lgs n.303 del 30 luglio 1999
Ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri, a norma dell’articolo 11 della legge 15 marzo 1997, n. 59”

D.Lgs. n.300 del 30 luglio 1999
Riforma dell’organizzazione del Governo, a norma dell’articolo 11 della legge 15 marzo 1997, n. 59”

D.L. n.132 del 13 maggio 1999 (convertito con modificazioni dalla L. n.226 del 13 luglio 1999)
Interventi urgenti in materia di Protezione Civile

D.Lgs. n.112 del 31 marzo 1998 – (Titolo III, Capo VIII – Protezione Civile)
Conferimento di funzioni e compiti amministrativi dello Stato alle Regioni e agli enti locali, in attuazione del capo I della Legge 15 marzo 1997, n.59”

Circolare P.C.M. n.1768 del 16 novembre 1994
Istituzione dell’elenco delle associazioni di volontariato di Protezione Civile ai fini ricognitivi della sussistenza e della dislocazione sul territorio nazionale delle associazioni da impegnare nelle attività di previsione, prevenzione e soccorso. Adempimenti finalizzati all’erogazione di contributi per il potenziamento delle attrezzature ed il miglioramento della preparazione tecnica”

L. n.266 dell’11 agosto 1991
Legge-quadro sul volontariato” – modificato dal D.Lgs. 117/2017 e dal D.L. 148/2017

D.P.C.M. del 14 settembre 1984
Organizzazione del Dipartimento della Protezione Civile”

D.L. n.829 del 12 novembre 1982 (convertito con modificazioni dalla L. n.938 del 23 dicembre 1982)
Interventi urgenti in favore delle popolazioni colpite da calamità naturali o eventi eccezionali” – Istituzione del Ministero per il coordinamento della Protezione Civile.

D.P.R. n.66 del 6 febbraio 1981
Regolamento di esecuzione della legge 8 dicembre 1970, n.996 recante norme sul soccorso e l’assistenza alle popolazioni colpite da calamità. Protezione Civile”

L. n.996 dell’8 dicembre 1970
Norme sul soccorso e l’assistenza alle popolazioni colpite da calamità – Protezione Civile”

Legislazione in ambito di Protezione Civile per Regione Lombardia

D.g.r. n.X/6309 del 6 marzo 2017

Direttiva Regionale in materia di gestione delle emergenze regionali – Revoca della d.g.r. n.21205 del 24 marzo 2005”

D.d.u.o. n.12812 del 30 dicembre 2013

Aggiornamento tecnico della direttiva per la gestione organizzativa e funzionale del sistema di allerta per i rischi naturali ai fini di Protezione Civile”

D.d.u.o. n.12722 del 22 dicembre 2011

Approvazione dell’aggiornamento tecnico della direttiva regionale per la gestione organizzativa e funzionale del sistema di allerta per i rischi naturali ai fini di protezione civile, approvata con d.g.r. 22 dicembre 2008 n. 8/8753”

Regolamento Regionale n.9 del 18 ottobre 2010

Regolamento di attuazione dell’albo regionale del volontariato di protezione civile (ai sensi dell’art. 9-ter della legge regionale 22 maggio 2004, n. 16, ‘Testo unico delle disposizioni regionali in materia di protezione civile’)”

D.g.r. n.8/8753 del 22 dicembre 2008

Determinazioni in merito alla gestione organizzativa e funzionale del sistema di allerta per i rischi naturali ai fini di Protezione Civile”

L.R. n.1 del 14 febbraio 2008

Testo unico delle leggi regionali in materia di volontariato, cooperazione sociale, associazionismo e società di mutuo soccorso”

D.g.r. n.8/4732 del 16 maggio 2007

Revisione della “Direttiva Regionale per la Pianificazione di Emergenza degli Enti Locali” (L.r. 16/2004, art. 4, comma 11)”

L.R. n.5 del 27 febbraio 2007

Interventi normativi per l’attuazione della programmazione regionale e di modifica e integrazione di disposizioni legislative – (Collegato ordinamentale 2007)”

D.g.r. n.8/3400 del 26 ottobre 2006

Modifica ed integrazioni alla d.g.r. n.7/7867/2002: “Trasferimento delle funzioni alla Province, ai Comuni ed alle Comunità Montane concernenti la progettazione, l’esecuzione e la gestione delle opere di pronto intervento, relative alle aree ai manufatti ed alle infrastrutture di proprietà dei singoli enti ai sensi della l.r. 5 gennaio 2000 n. 1, art. 3, comma 110 ed approvazione dei criteri di attuazione””

D.g.r. n.7/20486 del 7 febbraio 2005

Approvazione della “Direttiva regionale per la gestione della post-emergenza” (modifiche e integrazioni della direttiva approvata con D.g.r. n. VII/15803 del 23 dicembre 2003)”

L.R. n.16 del 22 maggio 2004

Testo unico delle disposizioni regionali in materia di Protezione Civile”

D.g.r. n.7/16484 del 23 febbraio 2004

Ridefinizione del Comitato di Coordinamento Regionale per l’Emergenza-Urgenza (C.R.E.U.). Istituzione dell’Area di Coordinamento per l’Emergenza Urgenza (A.C.E.U.) e della Conferenza Generale per l’Emergenza Urgenza (CO.G.E.U.) …”

D.g.r. n.7/12200 del 21 febbraio 2003

Revisione della “Direttiva Regionale per la Pianificazione di Emergenza degli Enti Locali””

Direttiva del Ministero dell’Interno del 30 gennaio 2001

Applicazione dei benefici previsti dall’art. 4-bis della legge 11 dicembre 2000 n.365”

L.R. n.1 del 5 gennaio 2000

Riordino del sistema delle autonomie in Lombardia. Attuazione del D.lgs. 31 marzo 1998, n.112 (Conferimento di funzioni e compiti amministrativi dallo Stato alle regioni ed agli enti locali, in attuazione del capo I della legge 15 marzo 1997, n. 59)”

Approvazione del 1° Programma regionale di Previsione e Prevenzione di Protezione Civile redatto ai sensi dell’art.12, secondo comma della legge 24 febbraio 1992, n. 225”

D.g.r. n.6/36805 del 12 giugno 1998

Ritieni questo elenco esaustivo o vuoi aggiungere delle norme per il piano di Protezione Civile? Contattaci per aiutare tutta la comunità che opera in questo ambito!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *