Redazione PGT e PUGSS

Gli strumenti urbanistici PGT e PUGSS

L’entrata in vigore della Legge Regionale 11 marzo 2005 n° 12, meglio nota come “Legge per il Governo del Territorio” modifica radicalmente lo scenario di riferimento per la pianificazione territoriale, con l’abrogazione di tutto il quadro legislativo previgente. Con la “Legge per il Governo del Territorio”, innanzitutto, muta l’ordinamento generale delle competenze, coerentemente con i principi sanciti dalla riforma del Titolo V della Costituzione;
secondo questa visione il centro dell’azione di governo territoriale diviene il Comune, al quale spetta la piena competenza nella pianificazione mediante il proprio Piano di Governo del Territorio (PGT).
Il primo effetto della riforma consiste nella sostanziale autonomia comunale nelle principali scelte di governo del territorio: ciò significa che l’ente locale nell’esercizio del proprio potere di pianificazione assume la massima responsabilità.
Il Piano di Governo del Territorio si compone di tre distinti strumenti:
– Documento di Piano,
– Piano dei Servizi,
– Piano delle Regole

PGT e PUGSS 1


 

Il Piano Generale dei Servizi nel Sottosuolo (PUGSS) è lo strumento di pianificazione previsto dal D.P.C.M. 3 marzo 1999, meglio noto come Direttiva Micheli.

Il Piano viene redatto per programmare l’utilizzo del sottosuolo stradale a partire dai dati della componente geologica, del quadro urbano e dei sottoservizi presenti (cosiddetto Rapporto Territoriale) nonché dall’analisi delle criticità. Il primo obiettivo riguarda il coordinamento degli interventi da parte dei singoli gestori dei servizi a rete per garantire un efficace e completo utilizzo del sottosuolo da parte di ciascun operatore congiuntamente ad altri per la fornitura di acqua, elettricità, gas metano, servizi telefonici e televisivi, teleriscaldamento, etc.. Si tratta quindi di gestire il sottosuolo per assicurare efficienza, efficacia ed economicità degli interventi.

Il PUGSS si compone infine sia di elementi pianificatori di indirizzo, sia di elementi gestionali.

PGT e PUGSS 2

 

Lo studio vanta un’eccellente esperienza nella redazione di questi strumenti di pianificazione, grazie alla quale operiamo una minuziosa analisi degli elementi delle diverse reti di sottoservizi, dando origine a tavole e relazioni nelle quali elementi lineari e puntuali siano suddivisi per tipologia, in modo da essere “leggibili” facilmente da qualsiasi persona o tecnico, come è possibile vedere anche dall’immagine qui sopra.

PGT e PUGSS devono per legge essere digitalizzati e possono essere inseriti in un WebGIS per la loro consultazione.

Contattaci se il tuo Comune è interessato alla redazione del PGT o del PUGSS cliccando qui