Le proposte di Legambiente per la mobilità elettrica

Inutile prevedere contemporaneamente blocchi per le vetture inquinanti e prezzi agevolati per il gasolio. Legambiente ha presentato al Governo 10 proposte facilmente attuabili a sostegno della reale transizione della mobilità verso modelli sostenibili.

Da qualche giorno in molti Comuni del Nord Italia sono state introdotte misure anti smog limitative per il traffico di mezzi particolarmente inquinanti, ovvero circa 3 milioni di auto e furgoni benzina Euro 0 e diesel Euro 1-2-3.

Occorrerebbe però iniziare a pensare a misure concrete a sostegno della mobilità a 0 emissioni, piuttosto che mettere in atto solo interventi “tampone”. In Italia attualmente sono ancora previsti prezzi agevolati per il gasolio, eppure poi viene bloccata la circolazione della auto alimentate da questo carburante; in molti degli altri paesi europei sono state introdotte da tempo misure a favore delle auto elettriche: in Germania, Francia, Olanda, Norvegia si vendono 10-20 volte più auto green di quanto avvenga nel nostro paese.

Legambiente a questo proposito ha presentato al Governo 10 proposte facilmente realizzabili per una reale transizione verso la green mobility, prevedendo una reale rivoluzione urbana sostenibile, alternativa, connessa, condivisa, multimodale ed elettrica.

legambiente proposte mobilita elettrica

Le 10 proposte di Legambiente

  • Chi più inquina più paga: il gasolio nel 2019 dovrebbe costare quanto la benzina e di più della benzina nel 2020.
  • Introdurre un Voucher regionale mobilità sostenibile di mille euro a chi rottama la vecchia auto, da utilizzare non per l’acquisto di una nuova macchina ma per abbonamenti e biglietti del trasporto pubblico, servizi di sharing mobility, noleggio mezzi e veicoli elettrici. Il voucher sarà finanziato dall’aumento del bollo sui veicoli più inquinanti e sui mezzi di lavoro;
  • Sostegno di 1000 euro annui alla mobilità sostenibile finanziati dalle aziende (ed enti pubblici) per dipendenti e famigliari. In pratica sino a mille euro di “welfare mobilità” erogati dall’azienda non costituiscono reddito da lavoro ed è esentasse;
  • Agevolazione IVA al 10% per la sharing mobility. Per le flotte aziendali elettriche usate come veicoli in condivisione anche per gli spostamenti privati dei dipendenti la detrazione IVA nell’acquisto o noleggio dei veicoli è 100%;
  • Incentivo fino a 6 mila euro per chi compera un’auto elettrica (metà se plug-in), finanziato da un aumento delle tasse d’acquisto proporzionale alle emissioni di CO2 e al costo. La misura è in grado di finanziare sino a 80 mila auto elettriche;
  • Detrazione per l’installazione delle colonnine di ricarica del 50% delle spese in 10 anni come nel caso di ristrutturazioni edilizie. Nessuna accisa per la ricarica in ambito pubblico;
  • Autotrasporto: basta sconti fiscali per la trazione a gasolio e conversione graduale di tutto il trasporto pesante in biometano – GNL (gas liquefatto) e il trasporto leggero in elettrico;
  • Pensare a precise misure per la micro-mobilità elettrica (monopattini, monoruota, musculari) con l’introduzione di norme assimilate a quelle delle e-bike e la garanzia di trasporto gratuito sui mezzi pubblici;
  • Dare la possibilità a chi possiede e usa un’auto elettrica di scambiare elettricità in rete, comperandola quando serve e vendendola quando la rete ne ha bisogno. Il contributo dei veicoli può essere determinante con la diffusione in rete dei piccoli impianti rinnovabili discontinui, come il solare e l’eolico;
  • Pensare a misure di sostegno per i comuni che hanno introdotto piani sfidanti, con obiettivi di mobilità basse emissioni, elettrificazione, smartless, quartieri “car free”.

E GPSBrianza?

Da un paio d’anni per tutti gli spostamenti stiamo utilizzando la nostra auto elettrica, seguendo la filosofia della mobilità a 0 emissioni. Cercare di fare la nostra parte, utilizzando energia derivante solo da fonti rinnovabili. Contiamo che nel futuro vengano introdotte sempre più misure per migliorare la situazione, infatti condividiamo le proposte di Legambiente.

Articolo realizzato a partire da quello di InfoBuildEnergia

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *